KAL & T.in4TIN, Modelli, Notizie dall'Associazione

Arriva l’Elfo Natalino!

TIC-TAC TIC-TAC..
Ieri era ancora estate e oggi mancano “solo” tre mesi al Natale!
Per non farci trovare impreparate a questo evento così importante per i nostri piccolini, per le loro famiglie e per tutto il personale delle TIN, sabato 25 settembre abbiamo dedicato il nostro periodico appuntamento del T.in4TIN ad un pattern tutto natalizio, Elfo Natalino, un piccolo dudù nato dalla fantasia e dalle mani di Maria Pia Filorimo. Avremo quindi tutto il tempo di realizzare un piccolo esercito di Elfi Natalino, pronti ad aiutare Babbo Natale e a rallegrare i reparti ospedalieri in cui siamo presenti con le nostre Volontarie e le nostre Delegate.

Il nostro Elfo Natalino

Come sempre vogliamo che il primo Natale dei nostri piccini sia davvero indimenticabile e che le loro famiglie possano assaporare un po’ di “normalità” attraverso un dono piccolo ma significativo perché realizzato col cuore. Il Natale è un periodo magico e visto che anche quest’anno a causa del Covid ci saranno meno abbracci e l’accesso ai reparti ospedalieri sarà più limitato per questioni di sicurezza, ci penserà il nostro Elfo Natalino a portare un po’ di calore e allegria in corsia!
I primi Elfi Natalino nati dalle abili mani delle nostre Volontarie hanno già visto la luce e le loro immagini sono state pubblicate durante l’evento sui social con gli hashtag: #Cuoredimaglia #associazionecuoredimaglia #Nataleiscoming.

Un Elfo Natalino biondo e nordico quello realizzato da Betta di Firenze

Il nostro piccolo Elfo potrà essere conservato e utilizzato per giocare negli anni a venire anche con i fratellini e le sorelline più grandi a Elf on the Shelf, l’Elfo sulla mensola.
Sapete di cosa si tratta? E’ un gioco nato negli Stati Uniti circa 10 anni fa che si sta diffondendo anche in Italia e che ha come protagonisti dei pupazzi raffiguranti piccoli elfi, gli aiutanti di Babbo Natale, proprio come il nostro Elfo Natalino.
Tutto è cominciato con il libro “The Elf on the Shelf: A Christmas Tradition“, scritto da Carol Aebersold e dalla figlia Chanda Bell e illustrato da Coë Steinwart, che nella confezione contiene anche piccolo elfo giocattolo.

Elfo Natalino realizzato da Cinzia Civolani

Il libro spiega (in rima) chi è Babbo Natale, ma soprattutto chi sono gli elfi che dal 1° dicembre (Giorno del Ringraziamento) alla vigilia di Natale, fanno visita ai bambini per “controllare e riferire” al loro capo, Babbo Natale.
Di giorno l’elfo osserva famiglia che lo ha adottato e di notte, mentre tutti dormono, fa ritorno al Polo Nord attraversando una speciale porta elfica (una porticina piccina piccina, a misura di elfo). Dopo aver riferito a Babbo Natale quanto accaduto durante la giornata, prima che la famiglia si svegli, sempre attraverso la porta elfica, fa ritorno a casa e così via, fino al giorno di Natale.
I piccoli elfi acquistano i loro poteri magici dopo essere stati “battezzati” e amati dai bambini: bisogna quindi scegliere il nome e scriverlo insieme alla data di adozione dell’elfo. Solo allora l’elfo riceve la speciale magia natalizia che gli consente andare e venire dal Polo Nord. Nella tradizione americana non bisogna toccare l’elfo (potrebbe perdere i suoi poteri!) ma si può parlare con lui. Il gioco termina il 25 dicembre quando l’elfo fa ritorno al Polo Nord, dove rimarrà fino al 1° dicembre successivo.
Si tratta di un gioco dell’attesa che piace ai bambini perché contribuisce a rendere ancora più magico il periodo che precede il Natale.

Ecco l’Elfo Natalino realizzato da Alba Procenzano

Il libro non è stato tradotto in italiano ma ne esistono diversi adattamenti come “Che la magia abbia inizio:…Attenzione elfo in arrivo!“, di Martina Caterino e Monica Pezzoli. Anche questo libro prepara i bambini all’arrivo dell’elfo e detta le semplici regole del gioco.
In Italia infatti siamo più permissivi: gli elfi possono essere toccati e coccolati; fanno visita ai bambini per conoscerli, vedere come passano il tempo, cosa leggono, quali sono i loro giochi preferiti, tutte informazioni che saranno utili a Babbo Natale per scegliere i doni da portare ai bambini. Naturalmente è vietato maltrattare gli elfi!
Cosa serve per giocare:
Un piccolo elfo (come il nostro Elfo Natalino);
Una porta elfica (che può essere disegnata su un cartoncino spesso, della misura giusta per permettere il passaggio del nostro piccolo amico e messa in qualsiasi punto della casa). Questa porticina magica mette in comunicazione la nostra abitazione con il regno degli elfi di Babbo Natale; è un modo per stimolare la creatività nei bambini, una porta di accesso al mondo della fantasia.

Il gioco inizia ufficialmente la sera del 30 novembre: mentre i bambini dormono il piccolo elfo fa la sua comparsa vicino alla porticina con la sua letterina di presentazione.
Al loro risveglio i bambini troveranno l’elfo, gli daranno un nome e potranno giocarci. La mattina successiva l’elfo avrà cambiato posto e così via fino al 24 dicembre, quando l’elfo, esaurita la sua missione, farà ritorno al Polo Nord con Babbo Natale, dove resterà fino all’anno successivo.

Il logo natalizio del nostro T.in4TIN

Allora, se vi è piaciuta questa storia divertitevi a realizzare tanti piccoli Elfi Natalino anche per i piccoli di casa: regalerete loro un pizzico di magia all’attesa del Natale, la festa più bella che c’è! Se non avete il pattern per realizzare il nostro piccolo amico potere chiederlo alla Delegata a voi più vicina oppure scaricarlo dalla nostra pagina Ravelry.
Buon divertimento a tutte e come sempre grazie a tutte le numerose Volontarie del magnifico team di Cuore di Maglia che rendono possibile la realizzazione e la “messa in onda” di questi eventi, ideati per stare insieme con leggerezza ed allegria!

Rispondi